Sangue Blu Filippo Maria Negroni

Simulwatch: come uccidere il Cinema

Se non avete ancora sentito parlare di Simulwatch –  by ComingSoon sappiate che non siete i soli. Fino a qualche giorno fa nemmeno il sottoscritto era a conoscenza di tale “prodigio” dell’informatica, compatibile per dispositivi AndroidiOS.

LINK AL VIDEO

L’idea alla base di SimulWatch è molto semplice: ricercare e commentare (in tempo reale) i titoli presenti in commercio, invitando il proprio gruppo di amici ad una visione privata – come ci ricorda l’antipatica attrice dello spot televisivo – oppure “di gruppo” con utenti sconosciuti.

SimulWatch – gli aspetti positivi:

Come possiamo evincere dallo spot televisivo e dalle informazioni presenti sul profilo ufficiale Facebook di comingsoon.it, l’App permetterebbe di ricercare un quantitativo esagerato di film, inserendo semplicemente il titolo della pellicola cinematografica. Fantastico! La ricerca viene effettuata sui cataloghi dei maggiori portali di streaming a pagamento, del calibro di: Netflix, Infinity, Amazon Prime Video, Itunes, etc. Viene indicato persino il prezzo dell’abbonamento, del noleggio o dell’acquisto singolo.

All’interno della pratica scheda riepilogativa possiamo trovare le classiche informazioni relative alla pellicola (durata, trama, anno, cast, etc.) evitando quelle tanto odiate ricerche su Wikipedia. ComingSoon ha affermato che molto presto verrà implementata la funzione di ricerca per le Serie TV e che il database sarà sempre in continuo aggiornamento.

SimulWatch – aspetti negativi:

Tralasciando la questione “bug” (ogni App ha sempre un buon numero di malfunzionamenti quando viene presentata al grande pubblico) che si spera venga risolta al più presto, a mio avviso l’unico aspetto veramente negativo è proprio il suo cavallo di battaglia, ovvero: la visione condivisa.

La visione pubblica ti permette di creare un appuntamento aperto a tutti gli utenti di SimulWatch. La visione privata invece è aperta solo agli amici che vorrai invitare.

Non so voi, ma quando riesco a ritagliarmi un paio d’ore per poter guardare la Serie TV del momento o un Film in santa pace metto sempre il telefono in modalità silenziosa, non vado sui Social Network e limito ogni possibile interruzione (se non per mettere nel microonde un pacchetto di PopCorn). Almeno in quelle due ore di relax voglio poter “staccare la spina”, dimenticare tutto il resto e concentrarmi solamente su quello che sto guardando. L’idea di dover mettere in pausa o di interrompere la riproduzione per rispondere al commento idiota o alla domanda irrilevante dell’utente con il quale/la quale sto chattando su SimulWatch mi riempie il cuore di tristezza. Siamo davvero così dipendenti da Internet da non riuscire a disconnetterci nemmeno per 120 minuti consecutivi?

In conclusione:

Qualunque cinefilo che si rispetti sa bene che riuscire a trovare un buon film che valga il costo del biglietto (in genere sui 7-8 €, ovviamente PopCorn esclusi) è sempre più difficile. I tempi cambiano e il cinema non può far altro che adattarsi alle nuove “mode” che Hollywood tanto acclama. Perché se una volta si andava a vedere lo spettacolo delle 18.00 per godersi un buon film e pomiciare in santa pace (almeno nei cinque minuti di spot pubblicitari), oggi le proiezioni interessanti non cominciano prima delle 21.00/21.30, si fa fatica a trovare parcheggio e ad ogni visione – di qualsiasi genere, dall’Horror al film d’avventura – ci sarà sempre e comunque qualche cafone pronto a disturbare e a fare casino.

E allora ben venga lo streaming da casa, il pigiama, il plaid e le ciabatte. Ma lasciate stare SimulWatch e spegnete quel maledetto telefono, perché non c’è niente di più sacro di un bel film in perfetta solitudine.

Filippo Maria Negroni

Laureato in Scienze della Comunicazione (BO), tecnico informatico a tempo pieno, graphic designer all'occorrenza e scrittore quando lo Jägermeister mi da una mano.

Sangue Blu Filippo Maria Negroni

Sull’autore:

Filippo Maria Negroni

Laureato in Scienze della Comunicazione (BO), tecnico informatico a tempo pieno, graphic designer all'occorrenza e scrittore quando lo Jägermeister mi da una mano.

CONTATTI:

Email: negroni.filippomaria@gmail.com
Cell: 3398123685

ULTIMI ARTICOLI:

Instagram

Instagram has returned invalid data.