Sangue Blu Filippo Maria Negroni

Chat & Emoji: come rimorchiare online

Ormai è un dato di fatto: la comunicazione si è spostata online, saper utilizzare le nuove tecnologie non è più un valore aggiunto da inserire nel proprio curriculum vitae, bensì un requisito fondamentale per chiunque.  Non sto parlando di inviare Email, allegati o scansioni digitali ma – più semplicemente – di riuscire a comunicare una data informazione a qualcuno sfruttando il potenziale della rete, sia essa la lista della spesa, l’orario del cinema o il vostro capitolo preferito del Kamasutra ✊💦.

Dimenticatevi corteggiamenti romantici, sassolini lanciati contro la finestra e i primi appuntamenti al Bar sotto casa.

Ogni momento è quello giusto per agire, perché la nuova frontiera del “flirt 2.0” è racchiusa dentro alla tasca dei vostri pantaloni,  nello zainetto di scuola o sotto la zip della vostra pochette preferita: Internet, Social Network & Chat sono solo alcuni degli strumenti preferiti del perfetto predatore sessuale sempre armato di smartphone. Che vi piaccia oppure no, al giorno d’oggi questo è quanto ci si aspetta e rappresenta l’ABC di ogni relazione. Spesso e volentieri “innovare” non significa “semplificare”, un utilizzo errato della punteggiatura o di una Emoji potrà fare la differenza tra la notte più bella della tua vita e la classica serata monotona davanti alla TV.

Emoticon & Emoji: le differenze 🍑🍌:

Ne ho già trattato in passato e come ben sapete detesto ripetermi, considerate queste poche righe di testo come un brevissimo ripasso dell’argomento:

  • Per “Emoticon” si intende una rappresentazione grafica realizzata unicamente con l’ausilio della punteggiatura … ecco un banalissimo esempio : ).  Correva l’anno 1982 quando l’informatico Scott Fahlman suggerì l’utilizzo delle emoticon per poter distinguere le battute dalle affermazioni.
  • Per “Emoji” invece si intende un vero e proprio standard ideato nel 1990 dalla NTT DoCoMo, società di comunicazione giapponese. Le emoji non sono altro che immagini, trattate dai computer come lettere di una lingua non occidentale. Proprio per questo motivo le App devono essere in grado di supportarle (ecco spiegato perché quelle dei sistemi iOS e Android sono così differenti).

How to sex 👅💧 with Emoji:

La domanda alla quale ho cercato di rispondere è abbastanza intuibile: è possibile rimorchiare qualcuno con un’attenta pianificazione del testo e delle Emoji? La risposta è: sicuramente SI 😉, ma partiamo con ordine. Prima di arrivare subito alla soluzione del caso, ritengo sia giusto iniziare da un’analisi più generale. Avete presente la classica (e banale!) domanda: cos’è la prima cosa che guardate in una donna o in un uomo? Molte persone si limiterebbero a rispondere “il corpo”, “le labbra”, “il sorriso” e in un certo senso non posso fare altro che assecondarli. La prima cosa che salta subito all’occhio è proprio l’aspetto fisico, per non parlare dell’igiene e del portamento. Chi dice il contrario, mente. Siamo tutti superficiali, siamo tutti schiavi dei nostri istinti e siamo tutti codardi. Proprio per questo motivo l’abito fa quasi sempre il monaco. Curate la vostra immagine, tenetevi in forma, vestite in maniera adeguata al contesto sociale e vi si apriranno sempre tante – tantissime – porte. Dopo l’aspetto fisico, ovviamente, c’è tutto il resto: l’intelletto, il savoir-faire, il background culturale, la componente emotiva, etc. Ricordatevi che il nostro obiettivo è quello di riuscire a rimorchiare con delle Emoji, dando per scontato che il partner prescelto sia bendisposto nei vostri confronti anche “fuori dalla rete” (perché se non compari nella sua equazione, di sicuro non riuscirai a fargli cambiare idea con qualche stupida faccina).

 

La strategia delle emoji in realtà è molto semplice. I messaggi che scriverete dovranno essere subito chiari, inutile girarci attorno con lunghi giri di parole.  Come spesso accade nella vita reale, scherzando si possono dire grandi bugie ma anche sconvolgenti verità. Mettere a proprio agio il partner prescelto è sicuramente un aspetto da non trascurare, ben venga la battutina sarcastica, il dispettuccio o la classica “smileata” purché non ridicolizzi eccessivamente la nostra persona. Stiamo pur sempre chattando con dei disegnini (un po’ come facevano gli antichi egizi), deve essere un gioco, nulla di più. Inutile atteggiarsi, vantarsi o rispondere a monosillabi ogni 30 minuti. Comunicare, anche tramite emoji, significa saper ascoltare e rispondere a tono. E se la vostra risposta dovesse risultare noiosa o troppo distante dal contesto, verrete pesati, verrete misurati e sarete giudicati mancanti (semi-cit.).

Sex Emoji – alcuni esempi 🍆🍩:

Per i più ingenui non particolarmente a loro agio con l’argomento trattato, ecco una simpatica gallery decisamente esplicativa.

👉👌 = Let’s Have Sex
👌💦 = Sexy Squirt
🍆🍩 = Deep Ass Penetration
👅🍩 = An** Licking

Ovviamente non c’è limite alla propria fantasia (pardon, volevo dire: depravazione) e ogni messaggino potrà contenere un numero sempre maggiore di emoji. Attenzione però a non esagerare! Perché il confine tra “chat piccante” e una brutta copia di “MSN PLUS!” è sempre molto sottile 👉👌.

Ripensandoci, forse dovrei cambiare il titolo dell’articolo da “How to Sex with Emoji” in “How to Sext with Emoji”. Perché agli americani piace cambiare, specialmente le parole. Perché “sexting” è la versione hard di “texting”.

Filippo Maria Negroni

Laureato in Scienze della Comunicazione (BO), tecnico informatico a tempo pieno, graphic designer all'occorrenza e scrittore quando lo Jägermeister mi da una mano.

Sangue Blu Filippo Maria Negroni

Sull’autore:

Filippo Maria Negroni

Laureato in Scienze della Comunicazione (BO), tecnico informatico a tempo pieno, graphic designer all'occorrenza e scrittore quando lo Jägermeister mi da una mano.

CONTATTI:

Email: negroni.filippomaria@gmail.com
Cell: 3398123685

ULTIMI ARTICOLI:

Instagram